Procida

procida004Già da lontano, quando il porto di Marina Grande si intravede appena, la prima cosa che si scopre di Procida è l’insieme variopinto delle case. Giallo, azzurro, rosso, arancione, bianco: un arcobaleno che accoglie il viaggiatore e gli dà il benvenuto su questa piccola isola, poco turistica e così straordinariamente autentica.

La bellezza di Procida à tutta qui: pescatori, mare azzurro e barche, limoni, colline, piccoli borghi fermi nel tempo.

Tranne luglio e agosto, quando viene presa d’assalto soprattutto dai napoletani pendolari, Procida sonnecchia per tutto il resto dell’anno gelosa della propria identità, così distante dalle più turistiche Ischia e Capri.

Il tempo sembra essersi fermato a Terra Murata, il borgo in cui i procidani si rifugiavano durante le scorrerie dei saraceni.

Così come alla Corricella, piccolo incastro di case di pescatori, coloratissimo, scelto da Massimo Trosi per alcune scene de Il Postino. Poi ci sono le spiagge, quasi tutte accessibili, di sabbia fine o torrida e grossa rena vulcanica, ma sempre bagnate da un mare cristallino. Ma queste sono solo alcune delle 10 cose da vedere a Procida.